L’impiego dell’osmosi inversa nel settore civile

//L’impiego dell’osmosi inversa nel settore civile

L’impiego dell’osmosi inversa nel settore civile

L’osmosi inversa è il più efficiente processo di trattamento dell’acqua tramite membrana.

Applicazioni

Oltre ad essere utilizzata per la dissalazione delle acque, l’osmosi inversa può essere impiegata in strutture alberghiere e sanitarie. Il suo utilizzo consente:

  • il miglioramento del comfort e dell’affidabilità dei servizi sia per i clienti che per gli operatori
  • l’abbattimento dei costi di gestione, con la riduzione delle manutenzioni e delle interruzioni di servizio e dell’uso di energia, detersivi, ecc…

Alcuni esempi di applicazione sono riportati in Tab. 1.

Ambito

Applicazione

Acqua nelle camere
  • Lavaggio ospiti/pazienti e acqua medicale

Ristorazione
  • Migliora le proprietà organolettiche di cibi e bevande, poiché evita la disinfezione di tipo chimico

  • Evita le incrostazioni in attrezzature di produzione acqua calda o refrigerata (es. macchine per ghiaccio, per vapore, per caffè, lavastoviglie,..)

  • Evita il degrado precoce di cristallerie, ceramiche e stoviglie

Lavaggio
  • Migliora la conservazione dei tessuti dopo il lavaggio

Impianti di riscaldamento/ raffrescamento
  • Evita incrostazioni e migliora la resa degli impianti, oltre ad aumentarne la durata e ridurne i consumi.

Area weelness-riabilitazione
  • Migliora la qualità dell’acqua per piscine sportive o di riabilitazione, per SPA e per saloni di bellezza

Trattamento acque reflue
  • Permette di reimpiegare le acque di scarico per irrigazione o WC, garantendo alla struttura un’immagine di sostenibilità

 

Tab. 1: applicazioni osmosi inversa in hotel/ospedali

Componenti e funzionamento dell’impianto

In Fig. 1 viene schematizzato un impianto ad osmosi inversa per applicazioni civili, per illustrarne componenti e funzionamento.

Impianto di osmosi inversa

Fig. 1: schematizzazione impianto: 1) Attacco d’ingresso dell’acqua, 2) Serbatoio di accumulo, 3) Cartucce filtranti, 4-5) Pompa di esercizio e di lavaggio, 6-7) Membrane di sgrossatura e affinamento, 8-9) Tubazione concentrati e permeati, 10-11) Attacco di uscita del concentrato e del permeato, 12) Centralina di controllo

 

L’acqua da trattare viene immessa in un serbatoio di accumulo tramite una tubazione d’ingresso dotata di valvola d’intercettazione.

Dal serbatoio l’acqua viene aspirata da una pompa e prima di entrare nella condotta di aspirazione, dotata di valvola a saracinesca, attraversa cartucce filtranti di pretrattamento, che trattengono eventuali corpi estranei; filtri e pompe sono dotati di rubinetti per lo svuotamento e valvole di sfiato, necessarie durante le operazioni di manutenzione.
Dalla mandata della pompa, dotata di valvola di non ritorno e valvola a saracinesca, l’acqua entra nelle membrane, che possono essere di primo e secondo trattamento (ovvero di sgrossatura e affinamento).

Come semplificato in fig. 2, all’uscita dalle membrane, mediante attacchi e raccordi, si collegano le tubazioni d’acqua concentrata (scarico) e d’acqua permeata (depurata), provviste di valvola di non ritorno; è possibile prevedere una parziale reimmissione in ingresso dei concentrati, attraverso una tubazione di ricircolo.
In fase di arresto si attiva una pompa di lavaggio, che permette la rimozione dei concentrati dalle membrane.

flussi impianto osmosi inversa

Fig. 2: schematizzazione flussi: permeato (FL1), ricircolo (FL2), scarico (FL3), lavaggio (FL4).

 

Per monitorare il corretto funzionamento, vengono installati opportuni strumenti di controllo dei parametri di esercizio:

È possibile automatizzare l’avvio e l’arresto in base al livello d’esercizio, impiegando sensori di livello collegati ad una centralina.

Manutenzione

Ogni impianto è corredato da manuale rilasciato dal produttore, nel quale sono indicati i corretti parametri di esercizio (alimentazione elettrica, pressioni, temperature, massimi carichi di impurità nell’acqua d’alimento, dosaggio antincrostante) e le modalità di manutenzione:

  • Manutenzione ordinaria: riguarda il periodico controllo dei parametri di esercizio (Tab. 2) e la sostituzione delle parti di consumo (cartucce filtranti, membrane, liquido anti-incrostante).

 

Allarme

Descrizione/Rimedio

Basso livello antincrostante Aggiungere soluzione antincrostante
Bassa pressione in alimento membrane Dovuta a intasamento cartucce filtranti
Alta pressione Dovuta a intasamento membrane
Alta conducibilità Possibili fughe nell’acqua trattata oppure possibili variazioni nei parametri di esercizio (temperatura, salinità)
Basso livello serbatoio Mancanza acqua in arrivo
Scatto termico Surriscaldamento pompe

 

Tab. 2: Indicatori di funzionamento non regolare

  • Manutenzione straordinaria, che riguarda eventuali malfunzionamenti; due interventi possibili sono, ad esempio:
    • pulizia membrane con opportune soluzioni chimiche nel caso in cui venga superata la pressione d’esercizio prescritta;
    • immissione di una soluzione di mantenimento in caso di fermi prolungati, per evitare la formazione di sostanze organiche.
Foto: by Mas mufti Original uploader was Mas mufti at en.wikipedia. Con licenza Creative Commons ‘Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported’
L’impiego dell’osmosi inversa nel settore civile
5 (100%) 4 votes
2018-11-13T23:31:17+00:00Categories: Blog|

About the Author:

Giuseppe Puopolo
Giuseppe Puopolo è laureato in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, iscritto all’Ordine degli Ingegneri e membro del Gruppo Giovani Ingegneri della Provincia di Como. Amante della natura, ha indirizzato la sua professione verso la difesa del suolo e il contenimento dei gas serra, occupandosi di progettazione idraulica/geotecnica e di consulenza in ambito energetico. Nel tempo libero si dedica allo sport, praticando la boxe, e alla musica, suonando la batteria.

Scrivi un commento

16 − 2 =